martedì 31 marzo 2015

Project Spartan: l'ennesimo flop di Microsoft?

L'era di Internet Explorer sembra giunta ormai al termine e il posto del tanto discusso browser sarà preso da Project Spartan, il cui arrivo è atteso senza non pochi pregiudizi. Infatti Microsoft in questi anni ci ha abituati ad una serie di flop, che ci fanno essere un po' sospettosi verso il nuovo browser.

project spartan
Microsoft si prepara al lancio del nuovo browser Project Spartan.


Chi detesta Internet Explorer alzi la mano, ma soprattutto si prepari a stappare lo spumante. È ormai definitiva la notizia che l'azienda di Redmond ha detto addio al vecchio e caro browser, che sarà rimpiazzato da Project Spartan, integrato con il nuovo sistema operativo Windows 10 che uscirà quest'estate. A 20 anni esatti dalla nascita dell'odiato browser, Microsoft decide di puntare su qualcosa di nuovo, per cercare di far cadere nel dimenticatoio la reputazione acquisita da Internet Explorer. Però bisogna essere giusti e dare a Microsoft quello che è di Microsoft. Internet Explorer infatti è stato il primo browser, che ha avuto il merito di portare internet nelle case di tutti. Ma con il tempo sono iniziati i guai e le alternative al browser di casa Redmond sono diventate sempre più allettanti. Inizialmente con Firefox nel 2004 e poi con Chrome nel 2008, Internet Explorer ha perso infatti sempre più fan. Tuttavia ancora il 60% di utenti che si connettono da pc fissi utilizza Internet Explorer, mentre a connettersi con il browser di casa Microsoft da smartphone e tablet è solo il 2,5% degli utenti.

Tutto su Project Spartan

Del nuovo browser di casa Microsoft con un nome da guerriero non si hanno ancora moltissime informazioni, ma cerchiamo di fare il punto sulle principali. Innanzitutto si sa con certezza che il nuovo browser sarà presente anche nella versione mobile, notizia apparentemente scontata, ma conoscendo Microsoft sappiamo che niente è ovvio. Girano indiscrezioni invece sul fatto che il browser sarà in grado di predire su quale pagina si andrà successivamente, così da caricarla e velocizzare la visualizzazione del contenuto. Ma questo è ancora tutto da confermare. Altra notizia sicura è che Spartan si baserà su un motore di rendering moderno chiamato Edge. Inoltre pare che l'azienda stia prendendo accordi con Adobe affinché il nuovo browser possa superare tutte le contraddizioni presenti in Internet Explorer. Il nuovo guerriero di Microsoft dovrebbe inoltre essere aggiornato in modo più frequente e costante e disporre di più funzioni.

Project Spartan sarà un altro flop?

È ancora presto per rispondere ovviamente, diamogli almeno il tempo di uscire, anche se molti risponderebbero basandosi sulla fiducia. Microsoft infatti, seppur abbia avuto il merito di essere stata una pioniera nel suo settore, ha collezionato negli anni numerosissimi flop. Vediamo i principali.
  • Microsoft ActiMates: lanciati nel 1997 e ritirati dal mercato solo 3 anni dopo, gli ActiMates erano dei pupazzetti a scopo educativo in grado di interagire con gli umani, in particolare i bambini. Non si sa bene perché, ma il pubblico non apprezzò i simpatici pupazzetti.
  • Microsoft Zune: lanciato nel 2006, doveva essere il rivale dell'iPod di Apple, ma forse per il suo aspetto estetico non proprio accattivante e per i numerosi problemi di compatibilità, non è mai riuscito a diventare leader del mercato.

project spartan
Microsoft Zune doveva essere il rivale dell'iPod, ma non è mai diventato leader del mercato


  • Microsoft Tablet PC: prima dell'iPad di Steve Jobs, già nel 2001 Microsoft provò a lanciare un dispositivo trasportabile sensibile al tocco, ma i tempi non erano ancora maturi e quindi anche questa idee divenne un flop.
  • MSN Smartwatch: anche questa volta Microsoft era arrivata prima, proponendo l'orologio smart nel 2004, ma l'aver bruciato i tempi si rivelò di nuovo  controproducente e l'orologio venne ritirato dal mercato l'anno successivo.
  • Windows Millennium Edition: sistema operativo ribattezzato Mistaken Edition, fu lanciato nel 2000, ma ebbe una storia sfortunatissima, segnata da numerosi bug, problemi di stabilità e compatibilità.
  • Windows Vista: lanciato nel 2007, questo è probabilmente il più grande flop di Microsoft che tutti ricordano. Un sistema operativo poco stabile, poco sicuro e soprattutto poco usato, che tuttavia viene ancora supportato da alcuni pc.
  • Windows CE: non preoccupatevi, se non l'avete mai sentito nominare è abbastanza normale. Si tratta di un sistema operativo dedicato a palmari, PDA, pocket pc e alcuni modelli di smartphone. Questo sconosciutissimo prodotto di casa Microsoft è comunque ancora in vita.
  • Microsoft BOB: questo è forse il flop più divertente. Pensate che per lui l'anno di lancio e quello di ritiro dal mercato coincidono. Correva l'anno 1995 quando Microsoft decise di lanciare questo prodotto, che doveva essere una versione semplice di Windows 95, con un'interfaccia che ricordava i cartoni animati e un assistente particolare di fiducia, il cane Bob.

microsoft bob
Microsoft Bob era un'interfaccia che prevedeva come assistente personale il cane Bob.


  • Microsoft KIN: ideato come telefono il cui cuore nevralgico dovevano essere i social network, in realtà non si è mai capito bene cosa fosse. Lanciato nel 2010 e salutato lo stesso anno, Microsoft KIN aveva numerosi problemi con la sincronizzazione dei contatti e non riusciva a supportare tutte le funzionalità di Facebook e Twitter.
  • Clippy: la simpatica graffetta dispensatrice di buoni consigli, fu in realtà odiatissima, tanto che le lamentele degli utenti indussero Microsoft a rimuoverla dai prodotti.


Microsoft ha avuto sicuramente dei meriti e non si può negare il ruolo di Internet Explorer nella diffusione dell'home computing. Tuttavia la storia dell'azienda di Redmond è segnata da numerosi flop e forse per questo siamo tutti un po' prevenuti verso il nuovo browser Project Spartan. E voi, quale browser utilizzate abitualmente? Conoscevate questi flop storici di Microsoft?



Photocredits: